Il futuro del cinema è in TV?

Sono cosciente del fatto che queste osservazioni siano, in parte, frutto della mia “anzianità galoppante” e di quel senso di nostalgia che mi pervade sempre più spesso, ma ciò non di meno mi sento in dovere di portare alla vostra attenzione una realtà ormai consolidata e che probabilmente avrete già notato da soli: i film al cinema durano sempre di più.

Questa domenica avevo intenzione di andare a vedere Revenant, un film di cui si parla molto, ma un piccolo particolare mi ha fermato: 156 minuti per uno spettacolo per cui nutro solo un po’ di curiosità forse sono davvero troppi. Non è che il cinema non sia mai stato prolisso, per carità: l’analogia con il film di Iñárritu più immediata che mi sovviene è Il Cacciatore, film del 1978 di Michael Cimino, ed in quel caso si trattava di restare concentrati al cinema per ben 182 minuti. Il fatto è che oggigiorno spesso il minutaggio sembra stirato forzatamente per dimostrare qualcosa. Alle volte è solo per dare spazio a scene infinite in computer grafica (Man of Steel, 143 minuti), altre è per dare un senso ad una trilogia francamente inutile (La Battaglia delle Cinque Armate, 144 o 164 minuti), altre ancora è per concedere ai dialoghi il giusto respiro (Interstellar, 169 minuti)… l’importante è però dimostrare qualcosa. Ma nell’arte, nella vera arte, è davvero giusto dover dimostrare qualcosa a qualcuno?

Francamente mi mancano molto i film degli anni ’80 e ’90, che duravano al massimo un’ora e mezza e che riesco a riguardare ancora oggi volentieri anche dopo una giornata di lavoro, senza addormentarmi sul divano. Eppure un sostituto di quei vecchi film al giorno d’oggi c’è, ed il fatto che questo sostituto vanti un seguito sempre più esteso dimostra che, probabilmente, molti la pensano come me.

Sto parlando nientepopodimeno che delle serie TV: Netflix, Infinity, Sky stanno andando davvero alla grande negli ultimi anni, ed il motivo è ovviamente che la maggior parte delle persone preferisce concedere alla TV una mezz’ora o un’ora più volte al giorno piuttosto che 3 ore di fila. Le serie TV vantano sempre più star famose nel proprio roster, sceneggiatori di successo, effetti speciali grandiosi. E’ questo il futuro del cinema? Probabilmente sì, anche se la vera arte continua ad essere un’altra cosa.

Schermata 2016-01-22 alle 18.06.57

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...