Apple TV: il passato del futuro

Ho tentennato per diverso tempo, un po’ per le recensioni in rete ed un po’ per l’esborso economico, ma alla fine ho acquistato la nuova Apple TV. E ringrazio il mio sesto senso per averlo fatto.

La quarta edizione della Apple TV, grazie all’App Store, si preannuncia come una succulenta torta appena infornata, ricca di ingredienti gustosi e nutrienti: ora non resta che sperare in una lievitazione veloce ed in una cottura a puntino. E come potrà accadere questo? Non è un segreto che l’App Store dedicato sia ancora fortemente in beta, sia come impostazione e sia come contenuto. E’ essenziale che nei prossimi mesi i programmatori di tutto il mondo si impegnino per realizzare versioni dedicate dei propri giochi, perché a mio avviso il potenziale racchiuso in questo box è immenso. A quel punto i profumi della torta si spargerebbero in ogni dove, e tutti ne vorrebbero una fetta.

Immaginatevi un miscuglio improbabile di Atari 2600, Nintendo Wii e PS3 e comprenderete solo in parte in cosa consiste Apple TV 4. Lasciamo stare per un momento tutti gli aspetti già ampiamente sviluppati nella sua terza iterazione, vale a dire i film, la musica e le serie TV in streaming, YouTube. Tutti sono ormai capaci di proporre quelle cose. Sono i videogiochi proposti sulla nuova versione a rappresentare il vero punto di forza, ed in particolar modo l’attitudine vintage di questa pseudo console, che abbraccia in un sol colpo gli anni ’80 ed il 2000. Provando giochi come Crossy Road ed Alto’s Adventure non ho potuto non farmi travolgere dalla nostalgia del gameplay semplice sulla falsariga di perle indimenticabili come Q*Bert e Pitfall!, ma per la prima volta in un glorioso HD. E poi per i più esigenti si passa in un secondo ai giochi di corsa e di azione, quasi sempre sviluppati dalla derivativa Gameloft ma comunque divertenti e longevi. Il tutto comandato da un rettangolino nero (il remote) a prima vista ridicolo, ma che a conti fatti racchiude una tecnologia immensa: giroscopio, touch screen in vetro, telecomando TV. Tutto in uno, e con grande eleganza. Questo ritorno alle origini, passando per le tecnologie più avanzate, è senza dubbio una grande opportunità per gli sviluppatori, che possono proporre il proprio lavoro per la prima volta sullo schermo di casa e senza dover investire miliardi in produzioni in stile Sony, ma piuttosto mirando senza vergogna alla genuinità del gameplay Atari e Nintendo.

Io sono affascinato. Lo sono davvero. Sono stanco della complessità moderna e sono felice di poter tornare a casa, la sera, e decidere di giocare per qualche minuto o qualche ora a qualcosa di semplice ma completo al tempo stesso. Si potrebbe dire che ancora una volta il minimalismo di Apple stia trionfando, e non posso che esserne felice.

TV_AppleTV_Remote_MetalMorph-PRINT

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...