Il prodotto più X di sempre

Siamo solo ad Agosto, eppure dal punto di vista degli appuntamenti con la tecnologia il tempo scorre ad una velocità incredibile, ed in men che non si dica ci ritroveremo ad Ottobre, il mese della presentazione del nuovo iPad Mini. Perché Ottobre? Beh, perché il primo modello è stato presentato ad Ottobre 2012. Non ci vuole un sensitivo: i prodotti vengono sempre presentati ad un anno di distanza, salvo rarissime eccezioni.

Parlando di iPad Mini, un argomento ben più misterioso è quello che riguarda il suo display, Retina o tradizionale a seconda dei rumor. Ormai se ne parla da mesi, e sapete come la penso sui rumor: sono spazzatura inutile. C’è chi sostiene che sia già in produzione, c’è chi -in maniera più scientifica, se me lo consentite- afferma di non averne trovato nessun indizio neanche nelle beta del nuovo sistema operativo.

Non sarò io a svelare il mistero, visto che come tutti voi saprò la verità soltanto il giorno della presentazione. Non proverò nemmeno a tirare a indovinare. C’è una cosa, e soltanto una, che può aiutare a svelare il percorso di un prodotto attraverso gli anni: la filosofia dell’azienda proprietaria. Se è vero che il motto di Apple, anno dopo anno, è quello di proporre “il prodotto più X di sempre” (dove la X sta per la feature del momento, qualitativamente superiore alla stessa feature dell’anno precedente), è improbabile che ci troveremo di fronte a un prodotto in qualche modo inferiore. Potrà essere uguale od equivalente o superiore, ma di certo non inferiore.

Una delle caratteristiche fondamentali di iPad Mini è l’eccezionale durata della batteria, e questa caratteristica è data anche dal display poco esigente in termini di consumo energetico. Un interessante prodotto appena uscito sul mercato, il nuovo Nexus 7, propone un display eccezionale a discapito della durata della batteria. Capite dove voglio andare a parare? Finché Apple non troverà il modo di garantire la medesima (se non superiore) durata della batteria per iPad Mini Retina (a parità di peso), non lo proporrà sul mercato. Del resto, la storia insegna che Apple saprà comunque vendere bene il prodotto: a prescindere dal prestigio e dalla moda,  sa bene come esaltare i pregi alternativi di qualsiasi suo prodotto hardware. Questa tecnica l’abbiamo vista all’opera, ad esempio, con l’ultimissimo MacBook Air Haswell: un prodotto esteticamente identico a 3 anni fa, con un display datato, ma velocissimo ed in grado di durare tutta la giornata. Se sta vendendo bene significa che la feature esaltata è quella giusta, quella che la gente in fondo in fondo cercava più di tutte le altre. Più dell’estetica rivoluzionaria o del peso piuma, più del display Retina.

E così, probabilmente, sarà anche per iPad Mini. Il prodotto più X di sempre.

Schermata 2013-08-01 alle 11.22.27

Annunci

1 Comment

  1. Pingback: Il Nexus più X di sempre | News, polemiche e recensioni dal mondo tecnologico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...