Three is the magic number

Analisti. Già la parola basta a dire tutto sul loro effettivo valore o, per meglio dire, ne bastano le prime 4 o 5 lettere.

“Gli analisti pensano che”, “gli analisti ritengono”, “è ormai assodato secondo una fonte ritenuta sempre attendibile”…

Ogni giornata è piena di gossip creati ad hoc dagli analisti, e da chiunque altro abbia interessi economici ad aumentare l’hype di un prodotto, a far lievitare i ricavi in Borsa, o semplicemente ad aumentare le letture del proprio sito/blog. Questi gossip in genere riguardano le speculazioni sull’uscita di un nuovo prodotto tecnologico.

Beninteso, queste notiziacce le leggo anch’io, e pure volentieri, ma resta il fatto che spesso sono non solo superflue, ma anche prive di fondamento. Talvolta dannose. Ad esempio, per quanto riguarda Apple, ogni settimana si parla della data di uscita di un nuovo dispositivo, dell’apertura dell’azienda verso nuovi mercati, delle frasi rubate in qualche intervista ai pezzi grossi del marketing e della produzione. Eppure basterebbero un calendario, carta e penna, per predire il futuro di ogni uscita con un margine di errore ridicolo. Se il passato insegna qualcosa, infatti, Apple non ha mai sgarrato sui tempi di consegna, rispettando delle precise date di scadenza per presentare ogni novità ed ogni update. Non ci credete? Analizziamo insieme qualche numero.

Apple crede fermamente nei cicli di 3 e 4 anni. Il triennio è importantissimo, in particolare, perché al suo termine viene presentata una categoria di prodotto completamente nuova. Il quadriennio invece, in genere, serve a preparare un salto significativo nel design o nelle caratteristiche tecniche di un dispositivo già conosciuto. Con questi due dati alla mano -sempre che ci crediate, naturalmente- è possibile conoscere in anticipo qualsiasi uscita.

I trienni a partire dal 1998 hanno visto nascere l’era del PowerPc (1998), di iPod (2001), di iTunes Store (2003-2004), di iPhone (2007), di iPad (2010). Tutti prodotti e servizi molto diversi l’uno dall’altro, in base alle necessità del periodo, ma sempre e comunque essenziali a far crescere il buon nome dell’azienda.

I quadrienni, non di meno, a partire dal 1998 hanno presentato numerosissime upgrade dei prodotti esistenti, tra cui: iMac versione “Flat” (2002) e con sistema Intel (2006), iPod con riproduzione video (2005), MacBook Air (2008) contro MacBook Pro Retina (2012). E’ un percorso un po’ tortuoso, ma con un po’ di pazienza vi accorgerete che tutto torna, al massimo con uno scarto di qualche mese. Il fatto che queste date epocali siano incrociate tra loro, fa sì che non ci sia mai da attendere veramente 3 o 4 anni per assistere alla presentazione di qualcosa di grosso, ma invece dà l’impressione che l’azienda sia sempre viva ed in fermento.

Ma veniamo a noi: cosa ci aspetta a breve termine? Le date parlano chiaro, anzi, chiarissimo. Quest’anno, il 2013, è l’anno delle grandi novità, della presentazione di  qualcosa di completamente nuovo. Che sia una TV, un orologio, o qualcosa a cui nessuno ancora ha pensato, non ci è dato sapere; quello che importa è che secondo il calendario Apple questo è il momento di alzare ancora il tiro. L’ultima innovazione infatti è stata nel 2010, con la presentazione di iPad.

Per quanto riguarda i quadrienni di upgrade, il prossimo potrebbe cadere nel 2014 sia per iPhone che iPad, ed in effetti questa data dovrebbe coincidere con l’avvento di OS11. Ma del resto potrebbe anche cadere dopo un ulteriore triennio, vale a dire nel 2020, se non fosse che questi prodotti di consumo in genere non hanno un’aspettativa di vita così elevata.

E ora basta con le pippe mentali, torniamo al lavoro.

Screen shot 2012-10-18 at 3.49.45 PM

Annunci

3 Comments

  1. Pingback: Il costoso tablet di domani | News, polemiche e recensioni dal mondo tecnologico

  2. Pingback: Più Retina per tutti | Angry Geeks

  3. Pingback: Serve solo ad orologiare | Angry Geeks

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...